effetti tossici e sintomi causati dai materiali utilizzati nelle otturazioni dentarie - BENESSERE naturale

Medicina Ecologica
Vai ai contenuti

Menu principale:

effetti tossici e sintomi causati dai materiali utilizzati nelle otturazioni dentarie

Tossicità e Allergie

Gli effetti tossici dei materiali per otturazioni dentarie e per protesi . Sintomi locali e sintomi generali . Come disintossicarsi dal mercurio nelle otturazioni dentarie .Allergia o intolleranza al Mercurio e all'argento nelle otturazioni dentarie in amalgama  - Quali esami effettuare? Quali terapie .






Acqua Magnetizzata a polarità negativa con Piastra Eco 1 al fine di favorire una naturale disintossicazione
Tossicità acquisita ai materiali odontoiatrici per otturazione dentarie e a quelli utilizzati per le protesi dentarie .

I più comuni materiali utilizzati in  odontoiatria protesica e conservativa ( otturazioni dentarie)  possono avere effetti dannosi sull’organismo  .

I materiali odontoiatrici sono molteplici e tutti possono essere incompatibili per il paziente, ma quelli più frequentemente in causa sono i metalli.
Gli altri materiali odontoiatrici che possono avere un’azione nociva sull’organismo sono:
·           leghe metalliche per i singoli componenti e per le fusioni
·           materiali sintetici: utilizzati per conservativa, protesi, chirurgia ed ortodonzia
·           materiali endodontici
·           cementi
·           resine
·           adesivi
·           solventi
·           disinfettanti
I sintomi provocati dai materiali odontoiatrici   sono molteplici
e si distinguono in 1) sintomi orali e 2) sintomi sistemici.
Più frequentemente potremo avere:
Sintomi orali:
·           ulcere aftose
·           xerostomia
·           stomatiti ed eczemi periorali
·           bruciore linguale (punta e base)
·           disturbi di deglutizione e fonazione
·           sensazione di nodo alla gola
·           alterazioni del gusto
·           parestesie
·           pigmentazione della mucosa in prossimità del restauro.
Sintomi generali:
·           cefalee ed emicranie
·           vertigini
·           nausea
·           depressione
·           alterazioni della personalità
·           disturbi del sonno
·           alterazioni del ritmo cardiaco
·           malattie dermatologiche
L'intolleranza da parte dell'organismo ad un materiale odontoiatrico (lo stesso vale per gli alimenti) può essere di tipo immunologico e non immunologico.
Se l’incompatibilità è di tipo immunologico si può diagnosticare tramite i tests epicutanei (patch test): viene applicato sulla cute un cerotto “imbevuto” della sostanza da testare e dopo 48-72 ore vediamo se nel punto di contatto si è verificata una reazione positiva.
Tuttavia, nella maggior parte dei casi, l’incompatibilità non è di tipo immunologico, ma è dovuta a meccanismi diversi, di difficile rilevazione. Inoltre, nella maggior parte dei casi, i materiali odontoiatrici non sono costituiti da una sola sostanza, ma da più sostanze e non esistono tests epicutanei e tests di laboratorio specifici per tali composti.
In tali casi è utile ricorrere ai tests di biorisonanza, che rilevano l’interferenza negativa di una sostanza quando questa viene messa a contatto con il corpo.
Con il test di biorisonanza è possibile testare tutte le sostanze che lo specialista odontoiatra deve applicare nella bocca di uno specifico paziente, proprio quelle che riceverà quello stesso paziente.
Quindi l’utilizzo del test di biorisonanza, e specificamente della metodica diagnostica di Organometria Funzionale - E.A.V., permette di poter testare la tolleranza dei materiali odontoiatrici prima ancora di applicarli al soggetto: infatti la sensibilità a tali materiali è individuale, tanto che si parla di “paziente-compatibilità dei materiali dentali”.
In questo modo si eviterà che il paziente “porti dentro di sé” per molto tempo, anche per tutta la vita, un materiale che potrebbe divenire la causa di varie malattie.
Ciò è ancora più utile nei bambini, data la loro maggiore suscettibilità alle sostanze tossiche.
La metodica diagnostica di Organometria Funzionale - E.A.V. consiste nel registrare la risposta di un determinato organo ad uno stimolo fisiologico applicato in punti particolari del corpo, detti “gate” o finestre.
Quando un soggetto viene messo a contatto con un materiale che non è tollerato dal suo organismo, vediamo che la risposta dell’organo testato è alterata: tale sostanza può essere nociva per la sua salute.
Il test E.A.V.è indolore e innocuo, il risultato del test è immediato.



Medicina Naturale
Torna ai contenuti | Torna al menu