Magnetoterapia a campo stabile : cura con i magneti - BENESSERE naturale

Medicina Ecologica
Vai ai contenuti

Menu principale:

Magnetoterapia a campo stabile : cura con i magneti

Magnetoterapia
Magnetoterapia a campo stabile come cura naturale complementare nelle patologie infiammatorie osteo-articolari , muscolari e dei tendini. Magnetoterapia a campo stabile ( magneti)  :quali sono le indicazioni  , i tempi di applicazione e le controindicazioni . In quale patologie o malattie è più indicata o efficace , per quanto tempo si può utilizzare . Consulenza per terapie domiciliari e per dispositivi di magnetoterapia  per uso domiciliare (autoterapia ) . Quali apparecchi o dispositivi di magnetoterapia a campo stabile utilizzare .Dove comprare o acquistare i biomagneti a campo stabile .
La magnetoterapia a campo stabile . Terapia naturale con magneti. La stuoia Eco 5 a campo stabile : sperimentazione clinica .


MAGNETOTERAPIA A CAMPO  STABILE
Tecnicamente chiamata magnetoterapia a campo stabile :  questo sistema è nato dalla constatazione che le cellule danneggiate vanno incontro ad alterazione del loro potenziale di membrana per un modificato flusso ionico, pertanto inducendo particolari campi  magnetici è possibile ristabilire il naturale potenziale elettrochimico cellulare. La magnetoterapia, oggi è largamente utilizzata in Spagna e nelle Nazioni del Sud. America .
La magnetoterapia a campo stabile con Stuoia Eco 5 non ha nessun effetto collaterale ed alcuna controindicazione, tranne per i portatori di pace-maker e per le donne in stato di gravidanza .
Particolarmente indicata nelle affezioni dolorose localizzate, ha inoltre la proprietà di accelerare la rigenerazione tissutale (osseo, epiteliale, ecc.), migliorare lo stato del sistema nervoso, neurovegetativo e vascolare; ridurre la viscosità del sangue; aumentare l'ossigenazione; attenuare i dolori e gli stati infiammatori; produrre una notevole azione sedativa.
La magnetoterapia non va confusa con l'elettrostimolazione che funge da semplice analgesico e non esplica, come invece fa la magnetoterapia, alcun effetto curativo. L'azione benefica della magnetoterapia è effettuata in modo graduale, senza aggressioni violente ed effetti collaterali nocivi.
L'utilizzo della magnetoterapia non da luogo a dipendenza, ad assuefazioni secondarie dannose.
Particolarmente efficace in caso di affezioni dolorose localizzate per:
attività antinfiammatoria
effetto proliferativo fisiologico
stimolazione del sistema reticolo-endoteliale
miglioramento della reologia del flusso capillare
attivazione dei processi enzimatici
attivazione degli scambi metabolici e delle funzioni di membrana cellulare.

La Stuoia Biomagnetica  Eco 5 viene prodotta con materiali Ecologici Italiani su progetto del dr.C.Matonti  .
Il tessuto utilizzato è in Aloe Vera e Fibre di Carbonio .
I magneti vengono inseriti manualmente per assicurare un efficace campo magnetico con effetti salutistici per patologie osteoarticolari , tra cui le più frequenti sono :
1) artrosi nelle varie articoalzioni
2) artrite
3) osteoporosi
4) fibromialgia
5) Ernia discale
6) e per tutte la patologie dolorose muscolo-scheletriche .
Il campo magnetico emesso dai magneti a campo stabile favorisce un effetto rilassante ed energizzante naturale .



Il Biomagnetismo tratta di una importante metodica terapeutica naturale che utilizza magneti a campo stabile
per le specifiche applicazioni .
Il Biomagnetismo , come medicina vibrazionale o di risonanza , fa riferimento alle onde elettromagnetiche che ogni cellula ed organismo vivente sviluppano nel corso delle continue reazioni biochimiche indispensabili per i processi vitali . In una cellula morta vi è assenza di reazioni biochimiche e quindi di magnetismo cellulare .

   STORIA del Magnete
   Molti popoli antichi , tra cui il cinese, indiano, arabo, ebraico e le antiche dinastie egiziane, utilizzavano i magneti per le loro proprietà terapeutiche.
   Nel terzo secolo a.C., Aristotele ha scritto circa le proprietà terapeutiche dei magneti naturali, denominata "bianco magneti."
   Nel I sec. D.C. Plinio il Vecchio, storico romano, ha parlato l'uso di magneti per curare problemi agli occhi. Nel corso dello stesso secolo, molti medici  cinesi iniziarono a documentare effetti salutistici del campo magnetico terrestre sulla salute umana e  su svariate  malattia.
   Nel secondo secolo, il famoso medico Galeno raccomandava l'uso di magneti per il trattamento della costipazione e di varie sintomatologie dolorose .Nel quarto secolo, Marcel, il medico e filosofo francese, consiglia l'applicazione  di un magnete intorno al collo per alleviare il mal di testa. Nel sesto secolo, Alexander Tralle magneti utilizza i magneti  per il trattamento del dolore articolare.
   Più tardi, durante il decimo secolo, il medico islamico Ibn Sina, noto anche come Avicenna, ha dichiarato che essa è stata in grado di trattare la depressione con la terapia magnetica. Intorno al 1000, un medico persiano documentato l'uso di magneti ad alleviare disturbi come la gotta e spasmi muscolari.
   Quando il famoso medico Paracelso non solo ha usato i magneti per curare malattie specifiche, ma anche descritto in dettaglio i vari effetti curativi delle due polarità magnetiche.
   Paracelo, inoltre,  è stato tra i primi a postulare che la Terra stessa è  un grande magnete e che la forza magnetica può guarire e portare energia per gli esseri viventi.
   Il dr. Louis Pasteur ha documentato le scoperte che aveva fatto sugli effetti dei  magneti sul processo di fermentazione.
   Pasteur ha evidenziato  che l’applicazione di un magnete accelerava in modo significativo del processo di fermentazione .
   Allo stesso tempo, Samuel Hahnemann, il creatore della omeopatia, ha anche sperimentato l’uso dei  magneti a  scopi terapeutici ed ha consigliato l'uso dei magneti per il trattamento di un gran numero di malattie.
    Quasi un secolo dopo, nel 1954, Linus Pauling ha ricevuto il Premio Nobel per la Chimica per la scoperta delle proprietà magnetiche della emoglobina presente nel sangue che contiene ferro.
   Verso la metà del XX secolo, l'interesse per la guarigione magnetica aumentato rapidamente in paesi come l'India, la Russia e il Giappone. Non ultimi gli studi condotti presso l'Ospedale di Saint Michel Parigi, dove un team medico  ha provato l'efficacia di campi magnetici sulla  paralisi facciale.


    Magnetoterapia come un analgesico e antinfiammatorio
   Il Polo Nord o polo magnetico negativo  del magnete d'altra parte è rilassante,  arresta processi dannosi per il corpo, e quindi  indicato per ridurre  o eliminare il dolore e le infiammazioni .
  Magnetoterapia , dispositivi e tempi di applicazione .
          Il periodo ottimale di applicazione dei biomagneti con entrambe le polarità e con potenza superiore a 10.000 Gauss è da  15 a 25 minuti . Con questa metodica il Dr. Isaac Goiz Duran -Facoltà di Medicina, Università di Loja, in Ecuador - con magneti ad alta potenza e applicati su specifiche superfici del corpo ha curato diverse patologie da virus  ,da batteri ,da miceti e parassiti precedentemente identificati.

   Questi germi non  sopportano l'impatto  magnetico e soccombono alla terapia .

   L’uso di biomagneti di potenza variabile da 2000 a 8000 Gauss e con tempi diversi di applicazione ( da pochi minuti a diverse ore ) è indicata in tutte le patologie a carattere infiammatorio e quindi nella terapia del dolore in generale ,  dove  è presente  una alterazione dell’equilibrio acido-basico.
  Uso della magnetoterapia
 La divulgazione di questa metodica terapeutica naturale  ha dato luogo alla vendita indiscriminata in alcuni paesi sviluppati di  vari accessori come cinture, monili , coperte , ecc. muniti di magneti per essere usati con  diversi scopi terapeutici.
   Pertanto è indiscutibile che prima di attivare una terapia biomagnetica è indispensabile addivenire ad una diagnosi medica ed attuare la terapia sotto controllo medico , affinché la metodica sia valida .  

   Misurazione Elettroenergetica su Punti di Agopuntura
   Questa tecnica  risale al 1950, quando il medico tedesco Dr Reinhold Voll, agopuntore, ha messo a punto un dispositivo che misura l'energia che scorre nella meridiani di agopuntura.
  Questo dispositivo elettronico è in grado di catturare minuscole differenze di tensione tra i punti noti di agopuntura .
  Terapia specifica sugli organi interni.
  La magnetoterapia  utilizza all’occorrenza questi punti per applicazione di biomagneti a media  potenza per agire direttamente su uno specifico organo .
  Quindi la terapia è indirizzata  non più a disinfiammare il tessuto sottostante  ma a dare o togliere energia ad un organo che si trova in uno stato ipo o iper-energetico.
  Esempi classici sono i disturbi degli organi dell’apparato gastro-enterico  ove è presente una iper o ipomotilità dello specifico organo .
  Non meno importante è la terapia indirizzata ad uno stato iper-energetico del sistema nervoso neurovegetativo .

    
    Oggi è noto che ciascun organismo genera un proprio campo magnetico ed è esposto a continui stati di attività e di riposo, influenzati da stimoli esterni come quelle che arrivano attraverso gli alimenti, bevande,  emozioni , inquinamento ambientale ed elettromagnetico. Per il mantenimento di un ottimale stato di salute è necessario che questi campi magnetici siano in equilibrio. Soprattutto perché qualsiasi distorsione nel campo magnetico costante di un organo per un periodo di tempo può incidere negativamente sulle funzionalità dello stesso organo .
  Il primo campo magnetico con la quale il nostro corpo deve essere in perfetto equilibrio è il campo magnetico terrestre .
M. H. Halpern ha dimostrato l’importanza del campo magnetico terrestre per gli organismi viventi isolando  alcuni  topi in gabbie speciali.
 Il risultato è che i topi morirono in breve tempo a causa  di diversi tipi di ipoplasia cellulare (una diminuzione significativa del numero di cellule nei tessuti del corpo).
La N.A.S.A. ha rilevato negli astronauti ,dopo aver lasciato il campo magnetico terrestre , una specifica sindrome denominata  "malattia dello spazio" caratterizzata dallo sviluppo di osteoporosi e deficit del sistema immunitario.
Non dovremmo essere sorpresi, quindi, se oggi sono sempre di più i ricercatori che  si domandano se il gran numero di nuove malattie che sono diagnosticate “malattie articolari “ sono dovuta alla somma di una graduale riduzione del campo magnetico della Terra denunciato dai ricercatori giapponesi E Ritake Kawai (5% l'anno) .
Per questo motivo  nel 1958, il  medico giapponese Nakawaka ha coniato il termine "sindrome da carenza di campo magnetico" per definire la condizione di quei pazienti che mostrano sintomi quali : rigidità e dolore  alle  spalle, alla schiena e alla base del collo,  emicrania, capogiri, sensazione di pesantezza, insonnia, costipazione cronica  e squilibrio  generale del sistema nervoso autonomo . Nakagawa ha ottenuto ottimi risultati quando i pazienti sono stati sottoposti a trattamento con magneti.

   PH E  MAGNETI
  Ogni organo del corpo dispone di un maggiore o minore grado di acidità o alcalinità. Una cosa che è nota per la misurazione della concentrazione di idrogeno - cioè, il potenziale di idrogeno, comunemente noto come il pH.
La maggior parte dei malati hanno un eccesso di ioni elettropositivi (tossine, radicali liberi, ecc) che contaminano  le cellule, organi, sangue e secrezioni.
Il normale pH della saliva di una persona in buona salute è uguale a quello del  sangue: 7,4.
Ciò significa leggermente alcalino (pH di 7,0 è neutrale.) Tuttavia, la maggior parte dei malati ha un pH compreso tra 6,0 e 7,0 (acido o neutro): maggiore è l’evoluzione della malattia e maggiore è il suo pH acido. Così, le persone in stato terminale di cancro o metastasi  hanno di solito un pH acido (5.5 e 6.0).
Molti ricercatori e medici che cercano di mantenere l'equilibrio acido-basico fanno riferimento a due fasi : trovare le sostanze necessarie per contrastare i radicali liberi ed  espellere dall’organismo tossine (radicali liberi e tossine sono le due principali cause di acidificazione). Si immettono  vitamine, minerali , oligoelementi ed antiossidanti a loro disposizione e in parallelo si aiuta l’eliminazione delle tossine in modo naturale attraverso  le feci, l'urina, sudore e il muco.

   Quando processo di disintossicazione è intenso si hanno sintomi dermatologici : acne, dermatite, psoriasi e altri disturbi dermatologici .
Tutto questo a volte porta il medico a diagnosticare uno stato di  "malattia", quando in realtà è stato solo il risultato di un  rapido processo di disintossicazione.

Lo stesso concetto  vale per le malattie acute o ricorrenti, che in molti casi sono solo la  conseguenza di disfunzioni che si verificano in tessuti e organi per mancanza di antiossidanti, le sostanze che l'organismo ha consumato  combattere l'acidificazione.
Il grande contributo della Magnetoterapia a Campo Stabile , per affrontare l'acidificazione , è l'uso della influenza dei magneti sullo scambio ionico nelle cellula. Il processo di squilibrio del pH inizia a livello cellulare mediante lo scambio di ioni attraverso la membrana cellulare, con un processo bioelettrico, e avviene  in tutte le cellule del corpo.
Ebbene, se esaminiamo  un campione di sangue,dal quale è stata rimossa  la componente fluida , si può notare come i globuli rossi, in presenza di in magnete,  ruotano e si muovono  in un'unica direzione.
Infatti, vedremo che il Polo Sud spinge  i fluidi a girare in senso orario aumentando la produzione di ioni idrogeno, con una carica elettrica di energia magnetica  positiva (+) accelera l'attività cellulare, rafforzando i componenti acidi e stimolando la produzione di proteine .
Il Polo Nord, d'altra parte, fornisce una carica negativa di energia (-), e rallentando l'attività cellulare aumenta alcalinità, favorendo l’inibizione del dolore influenzata dalla diminuzione della concentrazione di ioni idrogeno.

Premesso che un'infiammazione è caratterizzata dalla presenza di acidità tissutale
con predominanza energetica degli Ioni idrogeno H+ ,
con l'applicazione diretta su una articoalzione infiammata di un campo magnetico negativo si andrà ad energizzare
gli ioni idrodssido OH- con un conseguente effetto alcalinizzante fisico e non chimico .

   USO dei BIOMAGNETI e della Eletroagopuntura Secondo Voll (E.A.V.)per effettuare diagnosi energetica  
   Una semplice metodica  per monitorare una malattia con i biomagneti è quello di mettere il paziente in posizione supina su un lettino in legno o in isolamento per evitare interferenze con i magneti. È consigliabile che il paziente mantenga le scarpe, perché consente di valutare la riduzione o il verso  di allungamento degli arti inferiori. Una volta che il paziente è sdraiato a faccia in su vengono controllati i punti che il medico sceglie per la valutazione energetica.

   Questi punti possono corrispondere a determinati punti di agopuntura o semplicemente a punti che decorrono lungo l’asse dei muscoli e dei nervi degli arti inferiori o delle articolazioni. Basta usare un biomagnete con polarità negativa e con potenza in gauss almeno di 4000 e controllare  ogni volta se la gamba interessata resta  della stessa lunghezza o di lunghezza  inferiore . Se ciò accade , e ad esempio la gamba destra si riduce in lunghezza da 1 a 5 cm ,   il punto in esame  è alterato.

   L’apparecchiatura E.A.V. valuta la resistenza di alcuni punti di agopuntura: resistenza che in una persona sana si aggira intorno ai 95 mila ohm ( unità di misura internazionale di resistenza elettrica )  Per fare questa misurazione il medico pone un elettrodo nelle mani del paziente e con un altro elettrodo a puntale applica circa 0.87 volt ad un punto da esaminare. Dopo di ciò legge la corrente che passa in quel punto determinandone la resistenza elettrica e passa a misurare il punto successivo. Ricordiamo che, come stabilito da Ohm con la sua legge, in un conduttore (in questo caso il punto di Agopuntura) passa tanta più corrente quanto più è minore la resistenza (A = V x R). I valori misurati vengono visualizzati su un quadrante con una scala da 0 a 100 unità, dette US (unità scala): lo zero indica la massima resistenza (minima conducibilità) ed il 100 la resistenza minima (massima conducibilità). Se l'organo correlato ad un dato punto è sano, permetterà il passaggio di una corrente di circa 8-10 micro-Ampere, e la scala dello strumento indicherà un valore di 50 US. In presenza di un organo non sano, la corrente non riuscirà a scorrere come dovrebbe. Può allora succedere che lo strumento scenda al di sotto delle 50 US (caduta dell'indice), segnalando così una debolezza funzionale o carenza energetica. Questa disfunzione sarà tanto più seria quanto più il valore si avvicina allo zero. Può anche verificarsi che lo strumento salga al di sopra delle 50 US, in questo caso indicherà intossicazioni e/o infiammazione.

    
Magnetoterapia energizzante
  Le onde magnetiche rilasciate da un campo magnetico positivo( Polo Sud o positivo ) rafforzano il corpo , accelerano  i processi biologici e forniscono una energia dinamica alle cellule .
   Pertanto, è particolarmente adatto nei casi di debolezza muscolare e lacerazioni, fratture delle ossa e dei legamenti, distorsioni, nelle terapie riabilitative , nella cicatrizzazione dei tessuti , ecc.


Medicina Naturale
Torna ai contenuti | Torna al menu