artrite psoriasica analisi - BENESSERE naturale

Medicina Ecologica
Vai ai contenuti

artrite psoriasica analisi

Medicina Ecologica
Analisi per l'artrite psoriasica . Esami specifici per diagnosticare l'artrite psoriasica . Diagnosi precoce con esami per l'artrite psoriasica . Diagnosi , sintomi e prognosi dell'artrite psoriasica . Diagnosi e terapia farmacologica e naturale.Terapia naturale con magnetoterapia per l'artrite psoriasica . Gli esami da effettuare , la terapia farmacologica , i sintomi , la prognosi , le complicanze e l'alimentazione . Quale terapia naturale è indicata?


Consulenza per Terapia Naturale con Magnetoterapia Personalizzata per Artrite Psoriasica .

Come si diagnostica l'artrite psoriasica .
La diagnosi  della artrite psoriasica è una diagnosi clinica che si basa sulla presenza delle manifestazioni cliniche e  delle caratteristiche anamnestiche che caratterizzano le spondiloartriti associate alla presenza di psoriasi cutanea nel soggetto malato o in un famigliare di primo grado. Alcune manifestazioni tipiche (dattilite, impegno delle IFD) possono orientare la diagnosi anche se non è ancora presente la psoriasi e se  non c’è famigliarità. Gli esami di laboratorio non sono orientativi. Caratteristica è l’assenza del FR e degli anticorpi anti-citrullina, anche se in alcuni pazienti entrambi gli anticorpi possono essere presenti a basso titolo. In questo caso il reumatologo valuterà se siamo in presenza di artrite reumatoide in psoriasico, se  c’è associazione delle due malattie o se c’è solo artrite psoriasica.  La PCR e la VES possono essere anche normali. Sono elevate specie se c’è impegno poliarticolare o se c’è coinvolgimento di grosse articolazioni
Quali sono le caratteristiche radiologiche dell'artrite psoriasica ?
Nella Aartrite Psoriasica il coinvolgimento del rachide porta alla formazioni di sindesmofiti primari (ossificazione delle parti più esterne del disco intervertebrale) e di sindesmofiti secondari (ossificazione del legamento longitudinale); i primi sono detti anche marginali in quanto originano in corrispondenza dell’angolo del corpo vertebrale i secondi iniziano invece a metà del corpo vertebrale dove il legamento longitudinale ha il suo ancoraggio. Va sottolineato che mentre i sindesmofiti primari sono caratteristici della spondilite anchilosante dove non si trovano i sindesmofiti secondari o pseudosindesmofiti, nella Artrite Psoriasica sono più frequenti questi ultimi.
Altro aspetto radiologico che va ricercato nel sospetto della AP è la sacroileite (perdita di definizione della rima articolare seguita da sclerosi dell’osso subcondrale, da erosioni e da fusione articolare) che spesso è asimmetrica.
Nella Artrite Psoriasica, a differenza delle altre malattie articolari infiammatorie, vi è una iperproduzione dell’osso che conferisce un aspetto “cotonoso” alla corticale (periostite), aspetto che si nota bene a livello delle ossa lunge della mano e dei piedi.
Con la radiografia convenzionale si mettono bene in evidenza anche le alterazioni entesitiche (immagini radiopache a livello delle entesi) come ad esempio lo sperone calcaneare.
 la terapia farmacologica e naturale della Artrite Psoriasica
Anche nella Artrite Psoriasica, come nella artrite reumatoide, possiamo fare una distinzione tra farmaci sintomatici e farmaci di fondo. I primi  appartengono al gruppo dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei); spesso questi farmaci vengono prescritti per un tempo limitato: cicli di 15-20 giorni che vengono ripetuti periodicamente in base alla  entità della flogosi e della sintomatologia dolorosa. Il loro razionale di utilizzo è il controllo del dolore e della infiammazione. Vengono preferiti i  FANS ad emivita breve (come la nimesulide) per non dare accumulo a livello delle chiazze di psoriasi.  Nella Artrite Psoriasica , se è possibile, vanno evitati gli steroidi per la possibile riacutizzazione dell’impegno cutaneo alla loro sospensione. Se c’è necessità del loro uso vanno usati a dosi medie e per breve periodo. E’ possibile l’uso degli steroidi per via locale (infiltrazioni) specie per il trattamento delle monoartriti o delle entesiti localizzate. Una singola articolazione non dovrebbe, in generale, essere infiltrata per più di tre volte nell’arco dell’anno.
Per richiedere una consulenza medica al Dr.C.P.Matonti , esperto in magnetoterapia  Biomagneti Eco   servirsi del modulo contatti .


Per urgenza :
  o tramite e-mail  matonti6@hotmail.com
 cell. 339.3340022 dalle 16,30  alle 20


Medicina Naturale
Torna ai contenuti