Come curare in modo naturale l'Ipertensione . - BENESSERE naturale

Medicina Ecologica
Vai ai contenuti

Come curare in modo naturale l'Ipertensione .

Consulenza medica gratuita

Curare in modo naturale l'ipertensione arteriosa . Consulenza medica gratuita sui rimedi naturali per l'ipertensione e sulla corretta dieta per i valori alti della pressione arteriosa -La nuova terapia naturale per l'ipertensione da associare ai farmaci per ridurne i dosaggi .

Quando bisogna ritenere la pressione arteriosa alta ?
Quali sono i volori che rientrano nella norma ?
Per alcune persone, valori della pressione sanguigna inferiore a 140/90 possono non essere considerati a rischio ipertensivo. Ad esempio  in certe situazioni, come  pazienti affetti da lungo tempo da malattie renali  , da proteine nelle urine (proteinuria). La pressione sanguigna deve essere idealmente mantenuta a 130/80, o anche meno. L'obiettivo di ridurre la pressione del sangue a questi livelli  in questi pazienti è quello di rallentare la progressione del danno renale. I pazienti con Diabete (Diabete mellito) possono anche beneficiare di pressione del sangue che viene mantenuta ad un livello inferiore a 130/80. L'analisi statistica rivela che  una pressione arteriosa di 115/75 il rischio di malattie cardiovascolari raddoppia per ogni aumento della pressione arteriosa di 20/10. Questo tipo di analisi ha portato ad una continuo "ripensamento" nei confronti di chi dovrebbero essere trattati per l'ipertensione.
Vi sono  due forme di ipertensione arteriosa : ipertensione essenziale (o primaria),  e ipertensione secondaria. Ipertensione essenziale è una condizione molto più comune e rappresenta il 95% di ipertensione. La causa di ipertensione essenziale è multifattoriale, cioè, ci sono diversi fattori la cui azione combinata produce effetti ipertensione. Nell' ipertensione secondaria, che rappresenta il 5% di ipertensione, la pressione alta è secondaria (causato da) una specifica anormalità in uno degli organi o sistemi del corpo.
Ipertensione essenziale colpisce circa il 95% degli ipertesi , ma le cause di base o difetti di fondo non sono sempre noti. Tuttavia, alcune associazioni sono state riconosciute nelle persone con ipertensione essenziale. Per esempio, l'ipertensione essenziale si sviluppa solo in individui  che hanno un consumo piuttosto elevato di sale, superiore a 5,8 grammi al giorno. L'apporto di sale può essere un fattore particolarmente importante in relazione alla ipertensione arteriosa essenziale in molte situazioni, e il sale in eccesso può essere coinvolto nella ipertensione che è associata con l'avanzare dell'età,  l'obesità, fattori ereditari e insufficienza renale. L'Istituto di Medicina della National Academies raccomanda agli individui sani adulti , da 19 a 50 anni,  di consumare solo 3,8 grammi di sale al giorno.
I fattori genetici sono considereati fattori di primo piano nello sviluppo di ipertensione essenziale. Tuttavia,i geni dell'ipertensione non sono stati ancora identificati.  La ricerca attuale in questo settore si concentra sui fattori genetici che influenzano il sistema renina-angiotensina-aldosterone. Questo sistema contribuisce a regolare la pressione sanguigna  e il tono (stato di elasticità) delle arterie.
I sintomi caratteristici dell'ipertensione :
L'ipertensione arteriosa di  solito si verifica senza sintomi (silenti), e per questi motivi  l'ipertensione è stato definito "il killer silenzioso". Infatti l'ipertensione arteriosa silente  può progredire e sviluppare  una o più delle varie complicanze potenzialmente fatali di ipertensione come infarti cardiaci o ictus. L'ipertensione non complicata può essere presente e rimanere inosservata per molti anni o addirittura decenni. Questo accade quando non ci sono sintomi, e gli individui  interessati non sono sottoposti a screening per la  pressione arteriosa.
Alcune persone con ipertensione non complicata, tuttavia, possono presentare sintomi quali: cefalea , vertigini , dispnea, e disturbi della vista. La presenza di sintomi possono essere considerati positivi  in quanto inducono le persone a consultare un medico .  In molti casi gli IPERTESI accusano all'improvviso infarti cardiaci, insufficienza renale, o disturbi della vista (a causa di danni alla parte posteriore della retina. Una maggiore consapevolezza di questa patologia e frequenti controlli della pressione arteriosa possono  aiutare ad identificare i pazienti con pressione alta prima che lo stato ipertensivo diventi conclamato e a rischio cardio-vascolare .


L'alimentazione da seguire nell'ipertensioen e gli alimenti consigliati
Pane, crakers, grissini sopratutto se integrali e poveri di sale (da escludere nelle diete strettamente iposodiche).
Riso, pasta , latte magro, yogurt magro in quantità limitata (da escludere se la dieta deve essere strettamente iposodica) .
Carne magre di vitello, pollo, tacchino, maiale, cucinata senza sale e pochi grassi (al forno, alla griglia, lessate, a microonde, ai ferri).
Pesce magro bollito o alla griglia o al forno (sogliola, nasello e pesce persico, branzino, orata, trota, palombo) mai fritti .
Formaggi freschi non fermentati e magri (mozzarella, scamorza, stracchino, crescenza, fontina, fior di latte) : tollerate modiche quantità di grana e gruviera.
Tutte le verdure fresche o surgelate senza sale se non sconsigliate (non quelle conservate in scatola od in salamoia, sottaceto, sott'olio) condite con olio a crudo, limone, pochissimo sale .
Tutta la frutta fresca, particolarmente gli agrumi .
Se il paziente tende a sviluppare ipopotassemia olio di oliva, di semi di mais, di girasole, di soia, margarine vegetali non salate .
Alimenti da evitare
Panini al burro, crakers salati latte intero, siero di latte tutti i formaggi grassi, preparati con latte intero e ricchi di sale, formaggi fermentati, piccanti e molto grassi (pecorino, gorgonzola), formaggi fusi o contenenti conservanti, panna carne salata, conservata, salsicce, carne di anatra, di montone, di oca, tutti gli affettati, pancetta, wrustels, prosciutto pesce salato, baccalà, acciughe, salmone affumicato, tonno in scatola, sardine, caviale, crostacei, molluschi fave, crauti, sedano, carciofi, barbabietole, biete, spinaci, rape, radicchio verde, cavolo riccio, carote tutti i vegetali conservati in scatola, patatine salate, piselli surgelati, ortaggi surgelati con aggiunta di sale burro, lardo, strutto, margarina salata dolci, gelato, canditi, cioccolato, noccioline, arachidi ed altra frutta secca salata; budino, dolci e biscotti commerciali, pop corn sale da cucina nella preparazione degli alimenti, salse ed estratti di carne, mostarda, dadi da brodo, senape, sottaceti, olive in salamoia, maionese salata
La cura naturale per l'ipertensione da ssociare ai farmaci per ridurre il dosaggio e gli effetti collaterali .
Per l'Ipertensione Arteriosa in primis consigliamo di seguire un regime dietetico appropriato seguendo eventualmente una nostra dieta ecologica . Comunque la nostra metodica naturale  complementare per l'ipertensione si basa sull'introduzione nell'alimentazione di acqua magnetizzata con piastra Biomagnetica ECO 1 a polarità negativa ed in dosi giornaliere di almeno 6 bicchieri .
L'acqua magnetizzata favorisce un effetto depurativo  e drenante naturale sui liquidi in eccesso .
L'acqua da usare è della normale acqua potabile sottoposta a magnetizzazione  con il nostro Piastra Biomagnetica ECO 1  .E' una metodica ecologica   senza effetti collaterali.
 


Consigli e rimedi naturali per l'ipertensione arteriosa

Medicina Naturale
Torna ai contenuti