Come curare in modo naturale i valori alti dei Trigliceridi. Consulenza medica gratuita per terapianaturale - BENESSERE naturale

Medicina Ecologica
Vai ai contenuti

Menu principale:

Come curare in modo naturale i valori alti dei Trigliceridi. Consulenza medica gratuita per terapianaturale

Consulenza medica gratuita

I valori alti dei trigliceridi : prevenzione e cura .Come curare in modo naturale i valori alti dei  trigliceridi . Terapia naturale  complementare  per i  Trigliceridi Alti. La corretta alimentazione . Alimenti da evitare e alimenti da preferire .Consulenza medica gratuita per terapia naturale .Come diminuire i valori alti dei trigliceridi in modo naturale e con una corretta alimentazione .


I valori alti dei trigliceridi : prevenzione e cura naturale
Alimenti da evitare e alimenti da preferire
I rischi per la salute .
Alti livelli di trigliceridi nel sangue aumentano il rischio di malattie coronariche (come l'infarto di cuore) e dell'aterosclerosi. Ai trigliceridi alti, inoltre, si associano quasi sempre bassi valori del colesterolo HDL (il colesterolo "buono") e, spesso, una tendenza al sovrappeso ed alla malattia diabetica oltre che valori elevati della pressione arteriosa; attualmente i medici definiscono questa condizione, nel complesso, "sindrome plurimetabolica". Un netto miglioramento della gravità di questa situazione complessa (e rischiosa) può in genere essere ottenuto semplicemente modificando in modo appropriato lo stile di vita .
Cosa   misura l'esame del sangue dei trigliceridi ?
I trigliceridi sono la forma di immagazzinamento dei grassi nell’organismo e sono utilizzati come scorta di energia. Essi derivano soprattutto dalla dieta e in piccola parte sono prodotti dall’organismo (fegato); una volta introdotti o sintetizzati, i trigliceridi vengono accumulati nel tessuto adiposo (tessuto grasso), oppure sono usati dal muscolo come fonte di energia. Una quota di trigliceridi è presente anche nel sangue, sottoforma di palline di grasso e proteine, chiamate chilomicroni e VLDL.
Quando e perché il test è indicato
La determinazione dei trigliceridi nel sangue rientra nel cosiddetto profilo lipidico, un insieme di esami che comprende anche la misurazione del colesterolo totale, HDL (colesterolo buono) e LDL (colesterolo cattivo) e che serve a determinare il rischio cardiovascolare
Come si fa il test
E’ necessario un semplice prelievo di sangue dalla vena di un braccio. Talvolta il campione può essere ottenuto pungendo con un ago la punta di un dito. L’esame dev’essere preceduto da 12-14 ore di digiuno, perché dopo i pasti la concentrazione dei trigliceridi nel sangue tende ad aumentare (anche di 5-10 volte rispetto al digiuno). Inoltre non si dovrebbe consumare alcol nelle 24 ore che precedono l’esame.
Quali sono i valori normali   dei trigliceridi?
A digiuno i valori normali dei trigliceridi nel sangue sono: 50-170 mg/dl.
Come interpretare i risultati ?
I trigliceridi possono aumentare sia per predisposizione ereditaria sia per diete ricche di grassi. L’aumento dei trigliceridi nel sangue rappresenta un importante fattore di rischio per le malattie cardiache e il diabete. Oltre agli eccessi della dieta, un aumento dei trigliceridi può indicare le seguenti condizioni: un’eccessiva assunzione di alcol, alcune malattie ereditarie, come il deficit familiare di lipasi lipoproteica (valori superiori a 700 mg/dl) e l’ipertrigliceridemia endogena familiare (valori anche superiori a 1000 mg/dl), il diabete, l’obesità. Alcuni farmaci aumentano i livelli di trigliceridi nel sangue: corticosteroidi (cortisone), pillola anticoncezionale, estrogeni, alcuni diuretici (furosemide), alcuni agenti antifungini (miconazolo), eccetera. Quando i valori sono molto alti (superiori a 1000 mg/dl), c’è il rischio di sviluppare una pancreatite, cioè un’infiammazione del pancreas. In questi casi il medico dovrebbe prescrivere subito un trattamento per ridurre i trigliceridi. Una diminuzione dei trigliceridi si osserva invece nelle seguenti condizioni: insufficienza epatica, malassorbimento intestinale, malnutrizione, ipertiroidismo, iperparatiroidismo, malattie epatiche gravi. Alcuni farmaci fanno diminuire i trigliceridi nel sangue: clofibrati, eparina, androgeni, steroidi anabolizzanti, vitamina C, ecc.
Informazioni aggiuntive
Mentre l'aumento del colesterolo circolante è sicuramente associato a un aumento del rischio di arteriosclerosi (l'indurimento delle arterie che può ostacolare il flusso del sangue) e quindi di malattie cardiovascolari, l'aumento dei trigliceridi nel sangue non ha un significato così chiaro. Probabilmente è anch'esso legato all'aumento del rischio cardiovascolare, ma non direttamente: le varie forme di grasso dell'organismo (colesterolo e trigliceridi), infatti, sono collegate fra loro e le alterazioni di una modificano l'equilibrio delle altre. L'aumento dei trigliceridi è invece sicuramente legato in modo diretto ad alcune condizioni patologiche del metabolismo anche glucidico.
Metodica Ecologica per Valori Alti dei Trigliceridi
La  nostra metodica ecologica complementare anche alle terapie farmacologiche e ad una corretta alimentazione :si basa sull'osservanza della nostra Dieta Ecologica personalizzata   e sull'uso nell'alimentazione di acqua magnetizzata con piastra biomagnetica Eco 1 a polarità negativa in dosi non inferiori 1 litro e mezzo  al giorno. .
L'acqua magnetizzata con polarità negativa favorisce un effetto   depurativo naturale utile per aiutare la normalizzazione dei valori dei trigliceridi .

Metodica Ecologica per i valori alti dei Trigliceridi o Ipertrigliceridemia  

Medicina Naturale
Torna ai contenuti | Torna al menu