disidrosi terapia naturale : diagnsosi , sintomi e cause. - BENESSERE naturale

Medicina Ecologica
Vai ai contenuti

Menu principale:

disidrosi terapia naturale : diagnsosi , sintomi e cause.

Medicina Ecologica

Come curare in modo naturale la disidrosi. Disidrosi sintomi ,alimentazione ,  cause e terapia - Metodica naturale per  la disidrosi - Terapia complementare alla terapia farmacologica della disidrosi -Disidrosi e stress . Disidrosi e terapia naturale depurativa. L'alimentazione e la tossicità epatica come concausa della disidrosi . La bioceramica attiva all'infrarosso è utile per favorire la microcircolazione della pelle nella disidrosi .





 

CHE COS'E ' la DISIDROSI : causa , terapia , complicanze.
Condizione della pelle caratterizzata da piccole vescicole sulle mani o ai piedi, che sembra accompagnare lo stress.
Colpisce le estremità e sui lati delle dita delle mani o dei piedi, palme e piante dei piedi.
Generalmente la Disidrosi colpisce  entrambi i sessi, tutte le le età, ma è più comune negli uomini tra i 20 ei 50 anni.
La disidrosi, nota anche come eczema disidrotico o pompholi, è una patologia a carico della pelle, in cui piccole vesciche, piene di liquido (siero), appaiono sui palmi delle mani e ai lati delle dita. Le dermatite può inoltre colpire anche la pianta dei piedi. Le vesciche della disidrosi, generalmente, durano tre settimane e causano principalmente un prurito intenso. È una condizione fisicamente ed esteticamente molto fastidiosa. Una volta che le bolle di disidrosi si sono seccate la pelle può apparire squamosa. Le vesciche tendono a rigenerarsi, spesso ancora prima che la pelle sia completamente guarita. Può presentarsi in forma sporadica, causata dal contatto con alcune sostanze, o cronicamente, in concomitanza con alcune stagioni. Il trattamento per la disidrosi comprende, nei casi più lievi, uso di creme e unguenti da applicare localmente nelle zone colpite, mentre nei casi più gravi il medico può prescrivere l'uso di pillole corticosteroidi.
CAUSE della DISIDROSI
Sconosciuto, ma sembra essere associato a periodi di ansia, stress e frustrazione nelle persone che non esternare le loro emozioni. Le persone con disidrosi hanno difficoltà di relax, anche al di fuori dei periodi problematici.
Questo problema non è causato da ritenzione di sudore, come si credeva al tempo, credendo che dato il nome.Può essere associata ad una malattia della pelle simile, per esempio alla dermatite atopica, nonché a condizioni allergiche, come potrebbe essere per la febbre da fieno. Le eruzioni possono essere stagionali, come è tipico nelle persone che sviluppano allergie ai pollini con sintomi nasali, chiamata rinite allergica.
Fattori di rischio
I fattori di rischio per la disidrosi includono:
Stress: la disidrosi sembra essere più comune durante i periodi di stress emotivo o fisico.
L'esposizione ad alcuni metalli: questi includono cobalto e nichel, presenti di solito in un ambiente industriale.
Pelle sensibile: le persone che sviluppano un'eruzione cutanea dopo il contatto con certe sostanze irritanti hanno anche più probabilità di sviluppare la disidrosi.
Eczema atopico: le persone che già soffrono di eczema atopico possono sviluppare eczema disidrotico.
Intolleranze alimentari: in alcuni casi la disidrosi è riconducibile ad allergie alimentari.
SINTOMI  della DISIDROSI
Piccole vescicole con le seguenti caratteristiche:
bolle   molto piccole (1 mm o meno di diametro) . appaiono sulle punte delle dita delle mani o dei piedi .
Sul palmo delle mani o delle piante dei piedi  le vescicole sono opache   o sono leggermente prominente .
Le bolle della Disidrosi non si rompono facilmente. In alcuni casi, si uniscono per formare una bolla di grandi dimensioni.
La disdrosi  può provocare prurito, dolore o non produce alcun sintomo. La sintomatologia dolorosa della disidrosi peggiora dopo il contatto con sapone  o sostanze irritanti .
Le vesciche sono generalmente molto piccole, larghe quando una mina di una matita, piene di liquido e non di rado sono talmente vicine tra loro che sembrano formare una unica grande vescica. Nei casi più gravi le bolle possono essere di dimensioni maggiori. I sintomi principali sono essenzialmente due e comprendono: prurito intenso e dolore. Una volta che le vesciche si asciugano e si sfaldano, la pelle sottostante può apparire arrossata e secca. Le bolle impiegano circa 3-4 settimane per scomparire. La disidrosi tende però spesso a recidivare e potrebbe ricomparire più volte nel giro di mesi o anni.
DIAGNOSI :
Nella maggior parte dei casi, il medico può diagnosticare la disidrosi sulla base di un esame fisico. Nessun test di laboratorio può specificamente confermare una diagnosi di disidrosi, perché l'analisi del sangue o del contenuto delle vesciche non presentano nessun valore alterato. Il medico può suggerire test per escludere altri problemi che interessano la pelle che possiedono sintomi simili. Ad esempio, può essere svolto un raschiamento della pelle per escludere un tipo di fungo che causa diverse condizioni paologiche, come ad esempio il piede d'atleta. Per escludere le allergie della pelle si può procedere con le prove allergiche, testando la reazione di alcune zone del derma in seguito all'esposizione a vari allergeni. Il paziente, grattandosi per il prurito, potrebbe tagliarsi e rendere la pelle vulnerabile alle infezioni e ai batteri, se il medico dovesse sospettare un'infezione, potrebbe prescrivere un esame colturale della pelle.
TRATTAMENTO e Terapia farmacologica  della DISIDROSI
TRATTAMENTO: . terapia farmacologica . Psicoterapia o consulenza per far fronte allo stress .
Misure generali : evitare l'umidità e calore nelle zone colpite: Indossare calze di cotone e scarpe con
pelle. Non indossare scarpe da ginnastica o altre calzature
realizzate con materiali sintetici.
Rimuovere i calzini e le scarpe di frequente, per afvorire l'evaporazione del  sudore .
Indossare guanti in vinile foderato con cotone per evitare il contatto con sostanze irritanti come
l'acqua, il sapone , detergenti, lana d'acciaio, e altri prodotti per la pulizia.   
Indossare guanti per  sbucciare o spremere frutta e verdura acide. Indossare guanti speciali per
lavori domestici o di giardinaggio. Se è possibile, utilizzare la
lavastoviglie.   Evitare il contatto con sostanze chimiche irritanti come  vernice, trementina e prodotti
detergenti .  
Usare acqua tiepida e sapone delicato sotto la doccia o vasca da bagno.
F A R M A C I : possono essere usati corticosteroidi per ridurre l'infiammazione e il prurito, 1 o 2
volte al giorno, a meno che il medico consiglia altri dosaggi.  
Personalmente ritengo che molti inquinanti ambientali ed alimentari siano una concausa scatenante della disidrosi .
Consiglio importante : evitare quando possibile di bere acqua di rete ( clorata ) .
Collocare un filtro a carboni attivi sull'impianto idrico della propria abitazione al fine di rimuovere il cloro  per  lavarsi con acqua declorata .
Utilizzare saponi neutri non profumati .

CONSULENZA MEDICA ECOLOGICA  
  per terapia depurativa della disidrosi  
servirsi del modulo contatti  
o tramite e-mail  matonti6@hotmail.com
                                                                                                        
                          


Medicina Naturale
Torna ai contenuti | Torna al menu